Print Friendly and PDF

TEITI DA MÆ ÇITTÆ TETTI DELLA MIA CITTÀ
Ravera - Dodero Ravera - Dodero
   

A pä ûn môsaicô tûtta sta çittæ
de teiti rôsci e grixi aredôssæ
n’a scena che daô Righi l’êuggiô ô chêugge
sensa stancase se stä là a côntemplä
tra ûn teitô e l’atrô gh’è di terrassin
i glicini sôn macce de turchin

Teiti de Zena teiti da mæ çittæ
quante speranse de filiçitæ
dôve gh’è ûn fêugô sciorte fumme da ô cammin
dôve gh’è ûn teitô gh’è n’à storia gh’è ûn destin

Teiti de Zena teiti da mæ çittæ
çercô a mæ casa ma gh’o difficôltæ
me brilla u êuggi e se ne accorze ô mæ piccin
diggô: ô l’è ô sü e ô ventô ô porta in sciù ô salin

De sôrvia aô portô xiêua ûn sciammô d’öchin
me porta ô ventô ô söun den campanin
n’a nûvia a côre leggera incôntrô a-o sü
e a mêue in mezô a lûxe ‘ntô splendô
mentre lazzù in sciô spegiô dô mä
ûn barcô ô se prepara pë sarpà

Sembra un mosaico tutta questa città
di tetti rossi e grigi a ridosso
una scena che dal Righi l’occhio coglie
senza stancarsi si sta a contemplare
fra un tetto e l’altro ci sono dei terrazzi
i glicini sono macchie di turchino

Tetti di Genova tetti della mia città
quante speranze di felicità
dove c’è un fuoco esce fumo dal camino
dove c’è un tetto c’è una storia c’è un destino

Tetti di Genova tetti della mia città
cerco la mia casa ma ho difficoltà
mi brillano gli occhi e se ne accorge il mio piccino
dico: è il sole e il vento porta su il salino

Sopra il porto vola uno sciame di gabbiani
mi porta il vento un suono di campanile
una nuvola corre leggera incontro al sole
e muore in mezzo alla luce nel splendore
mentre laggiù nello specchio del mare
una barca si prepara per salpare