Print Friendly and PDF

VALZER DE PORTOFIN VALZER DI PORTOFINO
Bozzo Bozzo
   

Môntagna celestinn’a
che ti sporzi, a levante in sciô mä
a lûxe da mattinn’a
dä tô cresta veddêmmô spuntä

Dai tempi ciù distanti
ti sæ a vitta da gente de mä
glôriôsi “Cômandanti”
lì davanti të vistô passà

Portôfin,
paradisô de paxe e de quiete
t’è in giardin
prôfummôu da ciù belle pinete
Portôfin,
t’è a bellessa, l’incantô in sciô mä
Portôfin,
chi t’à vistu mai ciù te scôrdiâ

E nôtti senza lûnn’a
sôtta a furia dô scioccô arragiôu
t’è l’ancôa dê fôrtûnn’a
pe-u riparô dô povioô pescôu

Ma quande nô gh’è ô ventô
in t’è nôtti bônassa d’estè
n’à pôvie cô-û dell’argentô
a sè pösa in scì scôggi incantæ

Portôfin,
paradisô de paxe e de quiete
t’è in giardin
prôfummôu da ciù belle pinete
Portôfin,
t’è a bellessa, l’incantô in sciô mä
Portôfin,
chi t’à vistu mai ciù te scôrdiâ

Montagna celestina
che sporgi a levante sul mare
la luce della mattina
dalla tua cresta vediamo spuntare

Dai tempi più distanti
conosci la vita della gente di mare
gloriosi Comandanti
lì davanti hai visto passare

Portofino,
paradiso di pace e di quiete
sei un giardino
profumato dalle più belle pinete
Portofino,
sei la bellezza, l’incanto sul mare
Portofino,
chi ti ha visto mai più ti scorderà

Le notti senza luna
sotto la furia dello scirocco arrabbiato
sei l’ancora di fortuna
per il riparo del povero pescatore

Ma quando non c’è vento
nelle notti di bonaccia d’estate
una polvere color argento
si posa sugli scogli incantati

Portofino,
paradiso di pace e di quiete
sei un giardino
profumato dalle più belle pinete
Portofino,
sei la bellezza, l’incanto sul mare
Portofino,
chi ti ha visto mai più ti scorderà