Print Friendly and PDF

ZENA CHE NÔSTALGIA GENOVA CHE NOSTALGIA
Fava - De Santis Fava - De Santis
   

Lanterna da mæ Zena d’ônde të
gh’è tanta nebbia pä c’ha sforze a vèï
vôrrie cacciame in mä me sentô spersô
e se no cantô me pä de moûï

Ma se gh’è pensô a dighe n’a cansôn
l’ho chin’tu chêu, e a vinse st’emôsciôn
Partô e andandô via
che nostalgia Zena g’ho de ti
partô lasciô Pôrtoia
ma côa memoia restô sempre chî

Forse nô mesciô e çimme
ma queste rimme dïte chi in sciù mêu
ve dixian Zena nostra sôn zeneize
mi sôn de chî, e chì gh’è ritûrniö

Partô e andandô via
che nostalgia Zena g’ho de ti
partu lasciô Pôrtoia
ma côa memoia restô sempre chî

Forse nô mesciô e çimme
ma queste rimme dïte chi in sciù mêu
ve dixian Zena nostra sôn zeneize
mi sôn de chî, e chì gh’è ritûrniö

Lanterna della mia Genova dove sei
c’è tanta nebbia c’è da sforzarsi a vedere
vorrei buttarmi in mare mi sento sperso
e se non canto mi sembra di morire

Ma se ci penso a dirgli sta canzone
l’ho quì nel cuore e vince quest’emozione

Parto e andando via
che nostalgia Genova ho di te
parto lascio Portoria
ma con la memoria resto sempre lì
Forze non muovo le cime
ma queste rime dette qui sul molo
vi dicono Genova nostra son genovese
io sono di qui e quì ritornerò

Parto e andando via
che nostalgia Genova ho di te
parto lascio Portoria
ma con la memoria resto sempre lì

Forze non muovo le cime
ma queste rime dette qui sul molo
vi dicono Genova nostra son genovese
io sono di qui e quì ritornerò