Print Friendly and PDF

CIANDÊRLIN PIANDERLINO
Piccone Piccone
   

Damme in baxin
Cianin cianin
Strenzime forte - forte a-o më cô
Ti se che zêna a l’è o tô piaxei
Pensighe zêna dentro a-o më cô

Voggime sempre ben
Benche’ no son zenëize
Anemmo in Cianderlin
A dase dôi baxin

No son zenëize ma me tormento tanto
Vorrieva poeighe dï comme ghe dixan tanti
E no me resta che anda in Cianderlin
No posso dighe tanto ma ghe daiô tanti baxin

Benche’ dixeiva de no arrestä
Zena te bella in riva au mä
Quin’a casetta tra i munti e o mä
O sü cü risplende o fa trabballä

Voggiû vegni zenëize
Anche mi poêï vantä
Andemmo a buccadaze
Se occure anche a pescä

No son zenëize ma me tormento tanto
Vorrieva poeighe dï comme ghe dixan tanti
E no me resta che anda in Cianderlin
No posso dighe tanto ma ghe daiô tanti baxin

E no me resta che anda in Cianderlin
No posso dighe tanto ma ghe daiô tanti baxin

Dammi un bacino
pian pianino
stringimi forte, forte al mio cuore
lo sai che Genova è il tuo piacere
Pensaci Genova dentro al mio cuore

Voglimi sempre bene
benchè non sia genovese
andiamo a Pianderlino
a darci due bacini

Non sono genovese ma mi tormento tanto
vorrei poterle dire come le dicono tanti
e non mi resta che andare a Pianderlino
Non posso dirle molto ma le darò tanti bacini

Benche dicevo di non rimanere
Genova sei bella in riva al mare
con una casetta tra i monti e il mare
il sole che risplende fa traballare

Voglio diventare genovese
anche io potermi vantare
andiamo a Boccadasse
se occorre anche a pescare

Non sono genovese ma mi tormento tanto
vorrei poterle dire come le dicono tanti
e non mi resta che andare a Pianderlino
Non posso dirle molto ma le darò tanti bacini

E non mi resta che andare a Pinderlino
Non posso dirle molto ma le darò tanti bacini