Print Friendly and PDF

DA ME CASA A-O RIGHI DALLA MIA CASA AL RIGHI
De Santis - Bo De Santis - Bo
   

Da-o barcon de casa mæ
quarche metro sotta o Righi
veddo tutta a mæ çittæ
e indovinn’o i sô rebighi

Tutto l’arco da mæ Zena
da Savonn’a a Portofin
unn’a gigantesca scena
con due nuvie pë tendoin

E penso a-o navegante
co parte e co nù sà
se a-zovena galante
a se l’ascordià

A quello che n’a spinn’a
o sente dentro a-o chêu
lasciando a sô sposinn’a
ch’à ghe daià in figgiêu

E penso a-o navegante
che conoscendo o mä
o se domanda ansiuso
se a grazia a ghe faià

De faghe ancon rivedde
a sô gexetta
con dentro un’a vegetta
ch’a vive pë pregä

Da-o barcon de casa mæ
quarche metro sotta o Righi
veddo i teiti da çittæ
e ciù in là in porto i bighi

Sciorte foa zà in bastimento
veddo o mä andä sciù e zù
e i mandilli pin de cento
anche mì no i veddo ciù

Dalla finestra di casa mia
qualche metro sotto il Righi
vedo tutta la mia città
e indovino i suoi ghirigori

Tutto l’arco della mia Genova
da Savona a Portofino
una gigantesca scena
con due nuvole per sipario

E penso al navigante
che parte e che non sa
se la giovane fidanzata
lo dimenticherà

A quello che una spina
sente dentro il cuore
lasciando la sposina
che le darà un figlio

E penso al navigante
che conoscendo il mare
si domanda ansioso
se la grazia gli farà

Di fargli ancora rivedere
la sua chiesetta
con dentro una vecchietta
che vive per pregare

Dalla finestra di casa mia
qualche metro sotto il Righi
vedo i tetti della città
più là in porto le gru

Esce fuori un bastimento
vedo il mare andare su e giù
e i fazzoletti pieni di pianto
anch’io non li vedo più