Print Friendly and PDF

MA SE GHE PENSO MA SE CI PENSO
Capello - Margutti Capello - Margutti
   

U l’ëa partïô ma senza n’a palanca
l’ea zà trent’anni e forse anche ciù
ô l’aia lottôu pe mette i dinæ in banca
pe poèisene in giôrnô tôrnà in zù

E fase a palassin’a e-ô giardinettô
cô rampicante a cantinn’a e ô vin
a branda attaccä ai erbôi a ûsô lettô
pe dâghe nà schenn’à seia e mattin

Ma ô figgiô ô gh’è dixeia “Nô gh’è pensà
a Zena, cöse ti ghe vêu tôrnà?”

Ma se gh’è pensô allôa mi veddô ô mä
veddô i me mônti e a ciassa da Nunziä
rivveddô ô Righi e me se strenze ô chêu
veddô a Lanterna, a Cava e lazzù ô Mêu

Riveddô a seia Zena illuminä
veddô là a Fôxe e sentô franze ô mä
e allôa mi pensô ancôn de ritôrnä
a pösa e osse dôve ù mæ madônnà

L’ea zà passòu dô tempô fôrse troppô
e ô figgiô ô gh’è dixeiva “ Stemmô ben
dôve t’eo andà papà pensiemô doppô
a-ô viaggiô a-ô mä të vëgiô nô cônvèn

Ohu nô, ohu nô me sentô ancôn in gamba
sôn stancô e nô ne possô propriô ciù
sôn stùffô de sentï “Senor caramba!”
mi vôggiô ritôrnamene ancôn in zù

Tì t’ë nasciûo e t’ë parlòu spagnollô
mi sôn nasciûo zeneize e nô me mollô

E senza tante cose ô l’è partiô e a
Zena ô gh’à fôrmaûo tôrna ô sö nïô

Era partito senza neanche un soldo
erano già trent’anni e forse più
aveva lottato per mettere i soldi in banca
per potersene un giorno tornare in giù

E farsi una palazzina e il giardinetto
col rampicante la cantina il vino
l’amaca attaccata agli alberi a uso letto
per darvi una schienata sera e mattino

Ma il figlio gli diceva “ Non ci pensare
a Genova cosa ci vuoi tornare?”

Ma se ci penso allora vedo il mare
vedo i miei monti e piazza della Nunziata
rivedo il Righi e mi si stringe il cuore
vedo la Lanterna la Cava e laggiù il Molo

Rivedo alla sera Genova illuminata
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora penso ancora di ritornare
a posare le ossa dove sono i miei avi

Era già passato del tempo forse troppo
e il figlio gli diceva “Stiamo bene
dove vuoi andare papà penseremo dopo
al viaggio al mare sei vecchio non conviene

Oh no! oh no mi sento ancora in gamba
son stanco e non ne posso proprio più
sono stufo di sentir “Senor caramba”
io voglio ritornarmene ancora in giù

Tu sei nato e hai parlato spagnolo
io son nato genovese e non mi mollo

E senza altre cose è partito e a
Genova ha formato nuovamente il suo nido